Litogenesi

L’insieme dei processi genetici ed evolutivi da cui hanno origine, in natura, le diverse rocce è chiamato litogenesi.

Rocce, Minerali e Cristalli si possono originare in soli tre ambienti di formazione differenti:

 

1. Ambiente primario o magmatico

In questo ambiente si formano le rocce magmatiche (o ignee o eruttive), cristallizzate direttamente dal magma.

Si dividono in:

vulcaniche (o effusive): solidificate in prossimità della superficie terrestre

plutoniche (o intrusive): solidificate a media profondità (ipoabissali) o grande profondità (profonde) nella crosta terrestre

Il raffreddamento delle rocce vulcaniche avviene in tempi relativamente veloci, di conseguenza i cristalli che le compongono sono piccolissimi o inesistenti (=> Ossidiana). Le rocce plutoniche, invece, si raffreddano più lentamente e quindi i loro cristalli costituenti sono più grandi e distinguibili, conferendo loro un aspetto granulare.

In base al contenuto di silice (SiO2) sono suddivise in:

– acide (o sovrasature): più del 65%, prevalentemente quarzo

– sature ( o neutre): 50-60%, quasi prive di quarzo

– basiche (o sottosature): 40-50%, totalmente prive di quarzo

– ultrabasiche: meno del 40%

I processi di formazione cambiano nome in base al livello di temperatura:

– pegmatitico: rocce formatesi da eventi magmatici, 600-800 °C

– pneumatolitico: chimismo e mineralogia di una roccia vengono alterati per reazione di gas caldi, 400-600 °C

– idrotermale: da soluzioni acquose calde, 200-450 °C

Le rocce magmatiche più comuni sono:

– Anfibolite

– Andesite

– Anortosite

– Basalto

– Carbonatite

– Diorite

– Dunite

– Gabbro

– Granito

– Kimberlite

– Pegmatite

– Peridotite

– Pirossenite

– Porfido

– Riolite

– Sienite

– Trachite

– Tufo

 

2. Ambiente secondario o sedimentario

A questo ambiente appartengono  le rocce che si formano sulla superficie terrestre o sui fondali di mari e oceani, prevalentemente in seguito all’accumulo di frammenti più o meno grandi derivanti dal disfacimento di rocce preesistenti. Altre rocce si formano per via chimica (precipitazione di sostanze chimiche da soluzioni acquose), o per accumulo di scheletri o gusci animali, o per accumulo di polveri, ceneri e frammenti di lave eiettate da vulcani.

Le rocce sedimentarie più comuni sono:

– Arenaria

– Argilla

– Calcari

– Conglomerati

– Dolomie

– Evaporiti

– Ghiaia

– Marne

– Sabbia

– Sali

– Travertino

 

3. Ambiente terziario o metamorfico

Il metamorfismo è un processo in seguito al quale le caratteristiche di una roccia vengono alterate per effetto del cambiamento di pressione, temperatura o per azioni di soluzioni idrotermali.
Si distinguono 4 tipi:
 
1. da contatto (o termale): subito da una roccia esposta al calore di un magma
 
2. dinomomorfismo: originato da aumento di temperature e pressioni in seguito a eventi geologici di grande scala, in seguito ai quali si formano i rilievi montuosi
 
3. cataclastico: in rocce sottoposte a deformazioni meccaniche
 
4. da impatto: provocato da fortissime e istantanee pressioni e temperature generate dall’impatto di un meteorite sulla roccia della crostra terrestre
Le rocce metamorfiche più note sono:
– Argilloscisti
– Anfiboliti
– Carbonatiti
– Cloritiscisti
– Eclogiti
– Feniti
– Fonoliti
– Gneiss
– Lamprofiri
– Lamproiti
– Leucititi
– Marmi
– Melanefeliniti
– Melilititi
– Nefeliniti
– Quarziti
– Scisti
– Serpentiniti
– Skarn
Testo a cura di Gennaro Giovatore ©
G.G. – IGI Antwerp
Se ti piacciono i Minerali, le Gemme e i Cristalli seguimi sul mio “Gruppo di studio e condivisione sulla Gemmologia e sulla Cristalloterapia”: https://www.facebook.com/groups/467106986739467/