Polariscopio

Il Polariscopio è un piccolo ma assai prezioso strumento per il gemmologo, in grado di dividere le pietre monorifrangenti da quelle birifrangenti. Esso è formato da un supporto che sostiene due lenti polarizzanti e un vetro rotante sul quale vengono poste le pietre da analizzare. Sotto la lente fissa inferiore, chiamata filtro polarizzatore, è posta una fonte luminosa. La lente rotante superiore, chiamata filtro analizzatore, può essere ruotata in modo da porsi in sintonia o in contrasto ai fasci di luce lasciati filtrare dal polarizzatore.

Osservando dall’alto, con il polarizzatore e l’analizzatore in posizione parallela, vediamo il vetro rotante tutto illuminato, in quanto la luce passa; con il polarizzatore e l’analizzatore in posizione di contrasto, vediamo il vetro rotante tutto buio, poiché la luce non passa. Quando viene posta una pietra sul vetro rotante, al muovere di questo rimarrà buia se monorifrangente, si illuminerà e birifrangente.

Questo avviene perché le gemme monorifrangenti lasciano passare indisturbata la luce che ricevono e poiché col polariscopio si lavora in condizioni di massima oscurità, esse appariranno buie. Al contrario, le gemme birifrangenti modificano la luce che ricevono dividendola in due lame luminose perpendicolari l’una all’altra.

Con l’aiuto del conoscopio, una piccola lente che concentra l’ingrandimento  sulla superficie sferica, si potranno notare le figure di interferenza uniassiche e biassiche.

Nota bene: Il polariscopio può dare risultati solo con gemme trasparenti o traslucide.

Testo a cura di Gennaro Giovatore ©
G.G. – IGI Antwerp
Se ti piacciono i Minerali, le Gemme e i Cristalli seguimi sul mio “Gruppo di studio e condivisione sulla Gemmologia e sulla Cristalloterapia”: https://www.facebook.com/groups/467106986739467/