Spettrofotometria

In chimica , la spettrofotometria è la misurazione quantitativa delle caratteristiche delle proprietà di riflessione e trasmissione di un materiale in funzione delle lunghezza d’onda. Il principio di base è che ogni composto chimico assorbe, trasmette o riflette la luce (radiazione elettromagnetica) in un determinato intervallo di lunghezza d’onda.

Lo spettrofotometro è lo strumento in grado di misurare l’intensità di un fascio di luce in funzione del suo colore (lunghezza d’onda), su un campione che l’assorbe, oltre a misurare la trasmittanza (la frazione di luce incidente ad una data lunghezza d’onda che attraversa un campione), e la riflettanza (la proporzione di luce incidente che una data superficie è in grado di riflettere). Dal momento che la misura in cui un campione assorbe luce dipende fortemente dalla lunghezza d’onda della luce stessa, la spettrofotometria viene eseguita utilizzando luce monocromatica (luce in cui tutti i fotoni hanno la stessa lunghezza d’onda).

L’uso di spettrofotometri abbraccia vari campi scientifici, come la fisica, la scienza dei materiali, la chimica, la biochimica e la biologia molecolare. Gli spettrofotometri più comuni sono utilizzati nelle regioni dello spettro UV (luce ultra violetta) e del visibile.

A seconda del campo di lunghezza d’onda della sorgente di luce, possono essere classificati due tipi di spettrofotometria:

– UV-visibile: utilizza la luce nella gamma degli ultravioletti (185-400 nm) e nella gamma del visibile (400-700 nm).

– IR: utilizza la luce sopra la gamma degli infrarossi (700-15.000 nm).

Gli Spettrofotometri progettati per la regione negli infrarossi sono molto diversei a causa dei requisiti tecnici di misura in quella regione, considerando che praticamente tutto emette luce IR come radiazione termica, in particolare a lunghezze d’onda oltre circa 5 micron.

La struttura di base di uno spettrofotometro è costituita da una sorgente luminosa, un collimatore, un monocromatore, un selettore di lunghezza d’onda, supporto per il campione, un rivelatore fotoelettrico e un display digitale.

Vedi anche: ED-XFR

Testo a cura di Gennaro Giovatore ©
G.G. – IGI Antwerp
Se ti piacciono i Minerali, le Gemme e i Cristalli seguimi sul mio “Gruppo di studio e condivisione sulla Gemmologia e sulla Cristalloterapia”: https://www.facebook.com/groups/467106986739467/